-->

19 January 2006

Anti-anti e adozioni gay

La domanda retorica di RightNation e altri sull'omosessualita' ha fatto parlare un po' tutti. Come mi e' capitato di commentare da qualche parte:

  • Malattia: no;

  • PACS: indifferente/favorevole;

  • Matrimonio: tendenzialmente contrario (non e' un diritto "fondamentale"; lo e' per le coppie etero, al piu', per ragioni biologiche), ma quasi indifferente;

  • Adozione: totalmente contrario (non c'e' anything of the sort di un diritto ad avere figli - per nessuno).

Cerco di discuterne un po' qui sotto. Segnalo, prima che vi stufiate di leggere, che il contributo migliore al dibattito (dibattito ?) mi pare quello di AConservativeMind, che in aggiunta apre una finestra sulla incommensurabile idiozia e supponenza dei nostri governanti "europei" su questi temi.

Ho gia' detto altrove delle minoranze che sembrano vivere per restare culturalmente tali. Qui vorrei toccare altri due punti.

Il primo e' quello della vera o presunta omofobia e dell'uso spesso pretestuoso di questo termine. Troppo spesso si proclamano chiamate alle armi 'anti-X', dove la scelta di X puo' dipendere dal contesto, ma nel mondo polit-correct ci sono dei classici tipo omofobia, islamofobia, xenofobia, ... Spesso queste chiamate sono enfatiche e catastrofiste, e spessissimo del tutto ingiustificate. Personalmente sento la necessita' - mantenendo il senso della misura e la guardia alzata, naturalmente - di essere ogni tanto anti-anti, cioe' anti-anti-islamofobo o anti-anti-razzista o, perche' no, anti-anti-omofobo. Posizione scomodissima alla Finkielkraut (si parva licet..., che abbiamo visto come viene trattato da sinistra) perche' molti assumono che valga l'eguaglianza 'anti-anti'='pro'. Ovvero anti-anti-islamofobo=pro-islamofobo, e quindi, almeno almeno, islamofobo.

Sbagliato. Anti-anti vuol dire dubitare criticamente della necessita' dell'anti-X in questione (esiste davvero una islamofobia ? non e' che e' il mondo islamico che ha l'occidentofobia ? gli omossessuali sono veramente discriminati nella nostra societa' ? sono tanti e cosi' piu' importanti degli straight quanto il battage mediatico sui pacs vuol far intendere ?), e conservarsi la liberta' di essere se necessario contro il pensiero unico esplicitamente, invariabilmente, acriticamente 'pro'.

Il secondo riguarda la famiglia. Riprendo quel che dicevo in questo thread. In realta' ci sono tre sotto-punti: PACS, matrimonio, figli.

a) I PACS possono andare bene, hanno probabilmente delle buone ragioni legali e civili per essere consigliabili.
b) il matrimonio gay non si vede a cosa serva se esistono (esistessero) dei patti civili tipo PACS. Il matrimonio eterosessuale ha delle ottime ragioni biologiche per formalizzare e "blindare" certi rapporti, ragioni che mancano del tutto ai matrimony gay. Queste ragioni sono, ovviamente, i figli e la loro protezione. (Glisso volutamente sul "dettaglio" che le coppie lesbiche possono legittimamente aver figli facendo un piccolo sacrificio extra-coniugale: la cosa non mi piace affatto, come non mi piacciono i figli "a tutti i costi" delle coppie normali).
c) I figli: ragioni biologiche ovvie, dunque, ma anche educazionali. E' gia' difficile crescere dei figli in una famiglia convenzionale, e' piu' difficile ancora da separati. Dalla mia limitata ma non nulla esperienza (esterna ;) di famiglie lesbiche (con figli da precedente legame etero, almeno) - no, grazie, vi garantisco. Non conosco - e non voglio conoscere - famiglie gay maschili. Il punto, e' ovvio, non e' l'esempio, dato che in una famiglia normale non e' che si insegni gran che sulla sessualita': e' invece lo stravolgimento e la maldefinizione dei ruoli sociali e affettivi. Dove finisce il ruolo del padre in una coppia lesbica ? E peggio, il ruolo della madre in una coppia -- come si dice, al maschile, per essere polit-correct ? Le mie figlie vivono bene il loro tempo con me e mi riconoscono una figura di padre (sono separato), ma alla loro madre non potrebbero rinunciare.

In sintesi, il compagno di un padre gay non e' una madre, e la compagna di una madre gay non e' un padre. Facciamocene una ragione.

Links to this post:

Create a Link

<< Home