-->

02 February 2006

Islam e vignette 2: chiusure e cagasotto

Update che merita un post separato sulle vignette su Maometto e il turmoil che stanno generando nel mondo istero-islamico.

---

1) Una fetta qualificata del mondo arabo medio-orientale tuona contro le vignette danesi, e pratica il boicottaggio commerciale. Ne ho detto nel post "Islam e vignette" qui sotto. Il Corriere ci dettaglia su alcuni di questi moralizzatori: "i miliziani dei Martiri di Al Aqsa e della Jihad islamica hanno cinto d'assedio gli uffici locali della Ue e ne chiedono la chiusura immediata." E questa e' la fatidica punta dell'iceberg.

Per una volta sono d'accordo, e rilancio : chiusura della sede UE a Gaza - per quel che serve, risparmiamo pure. Soprattutto: chiusura immediata dei rubinetti finanziari per questi specifici imbecilli, e tutti gli altri che prendano iniziative diplomatiche anti-europee con il pretesto delle vignette.

E' ora che l'Europa smetta di farsi prendere per il culo da questi nullafacenti. Ho detto.

---

2) Il direttore di France Soir, uno dei quotidiani che hanno pubblicato le vignette, e' stato licenziato in tronco dall'editore. Delle due l'una: o l'editore e' un pirla (anche se il giornale e' suo e ci fa quel che vuole), oppure la stampa francese e' una manica di cagasotto. Nel dubbio, speriamo sia la prima che ho detto. Il che sembra plausibile:

Il proprietario del quotidiano francese France-Soir, l’uomo d’affari franco-egiziano Raymond Lakah, in un comunicato indirizzato ieri sera all’agenzia Afp, Lakah ha spiegato di aver «deciso di sollevare Jacques Lefranc dalla sua funzione di presidente e direttore della pubblicazione in segno forte di rispetto delle credenze e delle convinzioni intime di ciascun individuo». Nel comunicato Lakah aggiunge: «Presentiamo le nostre scuse alla comunita’ musulmana e a tutte le persone che sono state choccate o si sono indignate per questa pubblicazione». (Corriere on-line)

Notevole prova di fierezza, complimenti. (Non devo farvi notare il "franco-egiziano", vero ? Il direttore, pure lui, doveva aspettarsela.)

UPDATE: da LeGuerreCivili :

1) boicottare Carrefour: La catena di supermercati Carrefour (seconda al mondo) ha deciso di partecipare al boicottaggio dei prodotti danesi, togliendo dai propri supermercati in Egitto, Qatar, Oman ed Emirati, tutti i prodotti made in Denmark! Da quei paesi proviene l'8% dei guadagni di Carrefour: 2,4 milioni di dollari al giorno. [...] boicottaggio così che Carrefour ricordi da dove proviene il 92% dei suoi guadagni...

2) controboicottaggio: compriamo prodotti danesi ! (Scommetto fin d'ora che qualcuno dira' che e' una macchinazione degli ebrei danesi per far soldi).

Links to this post:

Create a Link

<< Home