-->

15 May 2006

Continuita' le mie p...

Qualcuno avra' seguito la vicenda della continuita' territoriale sarda- ovvero le sovvenzioni ai vettori aerei per volare in Sardegna. La c.t. puo' sembrare un privilegio e un'idea poco liberista (e' vero, in parte), ma chi vive -soprattutto da ex-continentale - in Sardegna e si sposta per lavoro sa che serve veramente, sia per il risparmio non trascurabile, che per il miglioramento in termini di trattamento (il biglietto c.t. e' equivalente a un biglietto full-fare), sia perche' di fatto non ci sono alternative (da Cagliari a Civitavecchia la nave ci mette 13-14 ore). E' un meccanismo che ha anche, paradossalmente, innescato una certa concorrenza, o quanto meno interesse, sulle tratte isolane.

Intorno al 20 aprile, pare che Alitalia si sia 'dimenticata' di fare, o abbia 'ritardato', la domanda di partecipazione al magna-magna, mentre Meridiana e AirOne puntualmente hanno fatto tutto. Risultato: l'ENAC (Ente Naz Aviazione Civile) ha proibito i voli Alitalia da/per Cagliari dal 2 maggio. Cioe': non chiedi le sovvenzioni e io invece di apprezzare ti proibisco di volare - oligopolio a controllo centrale al quadrato. Oltre che un'interruzione di pubblico servizio in piena regola.

Alla faccia delle dichiarazioni del presidente della regione Soru ('ora i sardi possono viaggiare a prezzi concordati e con regole certe'), ecco il risultato di secondo livello : centinaia di persone a piedi, migliaia in mezzo a disagi e casino nei primi giorni di maggio, dato che le altre due compagnie non sono state assolutamente in grado di reggere la pressione. Le mie due bimbe erano in partenza per Trieste (per il settantesimo compleanno della nonna) il 4: ho passato senza esagerare 4 ore al telefono tra il 2 e il 3 per riuscire, a fatica e con moolta pazienza, a riconvertire la loro tratta CA-Roma su Meridiana, un risultato che mettero' sul mio curriculum, sezione management. Risultato di terzo livello: il fesso Meridiana che le ha prese in consegna fino a Roma gli ha sequestrato il bagaglio a mano, dimenticandosi poi di ridarglielo, cosicche', risultato di quarto livello, le zie e la nonna hanno dovuto rifar loro il guardaroba. Infine, sono andato direttamente io a recuperare il bagaglio, gia' che ero di passaggio a Fiumicino allo scalo internazionale non-Schengen /:|, se no era ancora la'.

Alla fine il TAR ha raddrizzato la situazione riammettendo Alitalia al volo su Cagliari.

Permettete un altro paio di osservazioni. Volo da e per Cagliari quasi di continuo, e volo prevalentemente con Alitalia, per diversi motivi:
1) le connessioni verso il resto d'Italia e l'estero sono incomparabilmente migliori di quelle altrui;
2) e' impensabile muoversi dalla Sardegna via l'hub di Fiumicino, per esempio, con un vettore diverso da Alitalia e proseguire con Alitalia sulle sue tratte nazionali, internazionali o peggio che mai, intercontinentali: vuol dire ore perse - o aerei persi - dato che a Roma va ritirato il bagaglio, rifatto il check-in, etc.
3) l'organizzazione e' piu' solida ed efficiente delle altre, cosa di cui si accorge chiunque abbia una statistica sufficiente, e abbia viaggiato qualche volta con "low"-cost tipo Volare o WindJet o AlpiEagles;
4) gli altri non sono verginelle [solo una: AirOne fa sistematicamente tutti i giorni un'ora di ritardo sul 6.25 per Linate: e' il volo postale da Alghero e (lo dicevano i piloti) non puo' arrivare a Cagliari prima delle 6.30 !];
5) gli altri non e' che costino di meno: ho verificato che per il viaggio che faccio venerdi' prossimo, AirOne mi costava 290 contro 310 euro di Alitalia, solo in orari demenziali contro l'orario che volevo e con la complicazione del ritirare i biglietti cartacei al posto dell'elettronico. Ovviamente ambedue i prezzi sono da rapina, ma il punto e' che e' li' che tutti sono allineati.
6) Ho volato abbastanza da essere da tre anni nel club Freccia Alata e quindi sono un po' privilegiato ;)

In sintesi (salve le giuste lamentele sulla sindacalizzazione e certe pachidermicita' aziendale) mi fanno ridere quelli che parlano male dell'Alitalia (frase tipica di quello che non distingue la coda dal muso: "Devono fallire, gli sta bene !") in confronto alle altre compagnie che operano in Italia : dimostrano di avere poca esperienza pratica. Senza l'Alitalia, staremmo enormemente peggio. Almeno qui in kul alla luna.

Links to this post:

Create a Link

<< Home