-->

15 December 2006

Il mondo secondo Carter

Alan Dershowitz : Il mondo secondo Jimmy Carter (link). Tradotto da me.

Jimmy Carter mi piace. Lo conosco fin dalla sua campagna presidenziale del 1976. Ho lavorato duro per quella campagna, e ho ammirato il lavoro del Carter Center nel mondo. Ecco perche' mi da tanta pena che quest'uomo decente abbia scritto un libro cosi' indecente sul conflitto israeliano-palestinese.

La sua prevenzione contro Israele e' evidente dal titolo scelto : "Palestina: pace, non apartheid". Il suggerimento che, senza la pace, Israele e' una nazione con l'apartheid analoga al Sud Africa e' semplicemente sbagliata. Il male di base dell'apartheid sudafricano (contro cui io e tanti altri ebrei abbiamo lottato) era il controllo assoluto di una piccola minoranza di bianchi su una grande maggioranza di neri. Era l'opposto della democrazia. In Israele, e' la maggioranza e' al potere in una vibrante democrazia secolare, che proprio oggi ha riconosciuto i matrimoni gay contratti all'estero. Gli arabi siedono nella Knesset e nella Corte suprema, e votano per i loro rappresentanti, molti dei quali si oppongono con forza alle politiche israeliane. Israele ha ripetutamente offerto di terminare [e l'ha semplicemente fatto a Gaza, NdT] la sua occupazione delle aree conquistate in guerre difensive, in cambio di pace e pieno riconoscimento. La realta' e' che ci sono altre nazioni arabe e musulmane che effettivamente praticano l'apartheid. In Giordania, un ebreo non puo' essere cittadino, ne' possedere terra. Lo stesso in Arabia Saudita, che segrega completamente Musulmani e non. Perfino nella Autorita' Palestinese, l'influenza crescente di Hamas minaccia di creare un'egemonia islamica sui non-musulmani. I cristiani arabi stanno emigrando in massa.

Perche' mai, allora, Jimmy Carter invoca il concetto di apartheid nel suo attacco ad Israele ? Egli ammette (anche se il passo e' sepolto verso la fine del libro) che quel che succede in Israele oggi "e' diverso dal Sud Africa - non razzismo, ma acquisizione di terra." Ma la motivazione di Israele per mantenere controllo di questa terra e' la prevenzione del terrorismo. Ha offerto ripetutamente lo scambio pace-per-terra ottenendo solo che la terra resa fosse usata per terrorismo, rapimenti e lancio di razzi.

Non so perche' Jimmy Carter, che e' generalmente una persona attenta, abbia permesso a cosi' tanti errori ed omissioni di rovinare il suo libro. Eccone solo alcuni dei piu' evidenti.

- Carter enfatizza che "Arabi musulmani e cristiani hanno continuato a vivere sulla stessa terra sin dai tempi dei Romani" ma ignora il fatto che gli ebrei hanno vissuto a Hebron, Tzfat, Gerusalemme, e altre citta' molto piu' a lungo. Ne' discute l'espulsione di centinaia di migliaia di ebrei dalle nazioni arabe dopo il 1948.

- Carter sostiene ripetutamente che i palestinesi approvano da tempo la soluzione a due stati e gli israeliani vi si oppongono. Ma trascura il fatto che quando nel 1938 la commissione Peel propose una tale soluzione - nella quale Israele avrebbe ricevuto una piccola fetta della sua antica patria, e i palestinesi la maggior parte - gli ebrei accettarono e i palesinesi rifiutarono, perche' ai leader arabi interessava di piu' non avere ebrei sulla terra santa musulmana che avere uno stato palestinese.

- Menziona appena l'accettazione di Israele e il rifiuto palestinese della divisione del territorio britannico fatta nel 1948 dall'ONU.

- Sostiene che nel 1967 Israele lancio' un attacco preventivo contro la Giordania. il fatto e' che la Giordania attacco per prima, e Israele cerco' disperatamente di persuaderla a rimanere fuori dalla guerra, contrattaccando solo quando l'esercito giordano circondo' Gerusalemme, sparando razzi nel centro della citta'. Solo allora Israele occupo' il West Bank, ed era disposto a renderlo in cambi di pace e riconoscimento da parte giordana. [NdT: e' importante ricordare anche che il West Bank era, nella divisione fatta dall'ONU, destinato alla Palestina, ma fu invece occupato e annesso unilateralmente dalla Giordania durante la guerra di aggressione ad Israele nel 1948 - a proposito di chi si preoccupa dei diritti dei palestinesi...]

- Carter menziona ripetutamente la Risoluzione 242, che chiedeva la restituzione dei territori occupati in cambio di pace, riconoscimento, e confini sicuri, ma ignora il fatto che Israele la accetto' e tutte le nazioni arabe la rigettarono. Gli arabi si incontrarono a Khartum ed emisero i loro famosi "tre no": "No alla pace, no al riconoscimento, no alla negoziazione", ma sarebbe difficile saperlo leggendo la storia secondo Carter.

- Carter critica Israele per il suo "attacco aereo che distrusse un reattore nucleare irakeno" senza menzionare che l'Irak aveva minacciato di attaccare Israele con armi atomiche appena le avesse avute.

- Carter critica Israele per la sua amministrazione dei siti religiosi cristiani e musulmani, quando in realta' Israele tutela scrupolosamente il diritto di culto di tutte le religioni, compatibilmente -e' ovvio- con la sicurezza. Non menziona che durante l'occupazione giordana del West Bank e Gerusalemme Est tra il 48 e il 67, gli hashemiti hanno distrutto e dissacrato siti religiosi ebrei e impedito agli ebrei di pregare al Muro occidentale. Non fa parola neppure della brutale occupazione egiziana di Gaza tra il 49 e il 67.

- Carter da' la colpa ad Israele, esonerando del tutto Arafat, del rifiuto palestinese di accettare uno stato sul 95% del West Bank e su tutta Gaza in seguito alle offerte di Clinton e Barak a Camp David e Taba nel 2000-2001. Accetta la storia revisionista palestinese [NdT: storia ? Ah ah ah ah !!! :D], rifiuta le testimonianze de visu del presidente Clinton e di Dennis Ross e ignora l'accusa del principe saudita Bandar ad Arafat, che defini' il rifiuto della proposta "un crimine" e l'interpretazione di Arafat "non veritiera" - eccetto, evidentemente, per Carter. Il fatto che Carter scelga di credere a Yasser Arafat invece che a Bill Clinton la dice lunga.

- La descrizione di Carter della recente guerra libanese e' ingannevole. Inizia con l'asserzione che Hezbollah ha catturato due soldati israeliani. "Catturato" suggerisce un evento militare e l'applicazione dello status di prigioniero di guerra. I soldato sono stati invece rapiti, e non se ne sa nulla da allora - nessun segno di vita. Gli attacchi missilistici che hanno preceduto l'invasione israeliana sono largamente ignorati, come anche il fatto che Hezbollah lanciava i suoi razzi da centri civili.

- Carter non da' quasi credito al superbo sistema legale israeliano, asserendo falsamente che "le confessioni estratte con la tortura sono ammissibili nelle corti di giustizia di Israele", che i prigionieri sono "giustiziati" e che gli "accusatori" agiscono "da giudici". Anche i critici piu' severi di Israele riconoscono la correttezza della sua Corte suprema, ma Carter no.

- Carter incolpa addirittura Israele per "l'esodo di cristiani dalla terra Santa", ignorando completamente l'islamizzazione dell'area ad opera di Hamas e il simile esodo di cristiani arabi dal Libano a seguito della crescente influenza di Hezbollah e dei numerosi assassinii di leader cristiani da parte della Siria.

- Carter accusa dello stallo medio-orientale tutte le presidenze americane tranne la propria, con particolare enfasi su "una Casa Bianca ed un Congresso remissivi in anni recenti". Usa un'iperbole esagerata quando diche che "il dialogo su questioni controverse e' un privilegio da concedere solo in premio per un comportamento subordinato e da non concedere a coloro che non accedono alle richieste americane." Confonde stati terroristi, come Iran e Siria, con cui non si dialoga [NdT: o non si dovrebbe - vedi lo sciagurato piano Baker], con stati coi quali siamo in disaccordo, quali Francia e Cina, co cui abbiamo un dialogo costante.

Spero che il presidente Carter consideri seriamente la correzione di questi errori ed omissioni.

Links to this post:

Create a Link

<< Home