-->

24 February 2009

La scienza americana ai tempi di Obama

Oggi pomeriggio al maneggio avevo tempo da perdere, e ho letto APS News, il foglio di info della American Physical Society che di solito butto senza leggere. Ho appreso, con molto ritardo, che l'advisor scientifico di Obama e Direttore dell'Office of Science and Technology Policy è John Holdren, un fisico di Harvard, professore di Environmental Policy alla Kennedy School of Government e di Environmental Science and Policy all'Earth Science Dept ad Harvard. E naturalmente advisor della campagna di Obama.

Non sapendo chi fosse, mi ero fatto un idea leggendo tra le righe del comunicato: uno squalo di area clima/ ambiente / global warming. Ma vabbè, ho pensato, sarà una mezza calzetta promossa per meriti di campagna. Si', ma non basta, è molto peggio: è uno scaremonger alla Paul Ehrlich, e uno degli attempted character assassins di Lomborg su Scientific American, solo per citare un paio delle cose di cui conosco un po' i retroscena. Un personaggio vomitevole. Trovate tutto in dettaglio qui. Qui, sarebbe il NYT obamiano: non aggiungo altro. :D

P.S. Non bastasse, c'e' la pasdaran Carol Browner come Assistant to the President for Energy and Climate Change. Chi è ? Descrizione interessante qui.

P.P.S. Visto che sono in tema, stamattina a Radio 3 ho sentito un tipo che sputazzava su un libro di uno scettico sulla global climate change hype, suggerendo invece di leggersi il "molto più interessante" libro di Al Gore. Ha poi condito con una lettura di Travaglio dall'Unità come esempio di dibattito illuminato sulle questioni della giustizia. Il programma, ho scoperto poi, si chiama Tabloid (aptly named), e il conduttore Luca Telese. Tremendo.

Links to this post:

Create a Link

<< Home