-->

08 February 2009

Unconstrained stupidity

To those with the unconstrained vision, what they believe seems so obviously true that if you are standing in the way of it, either you must be incredibly stupid, utterly uninformed, or simply dishonest.

People like that find it very hard to believe that someone else could honestly, sincerely and intelligently reach a different conclusion - they talk about how complex the world is, but it never seems to be complex enough than other people can look at the same evidence and come to a different conclusion.


Mi sembra che questo mio minitranscript da una conversazione di Thomas Sowell su NRO TV descriva a pennello i moralmente superiori di casa nostra. Il libro in questione è A conflict of visions.

(La "constrained vision" e' quella per cui la natura umana e' imperfetta e dobbiamo cercare di costruire sistemi che limitino questa imperfezione, con gradualita`, e imparando dall'esperienza; p.es. la rivoluzione americana. La "unconstrained vision" e' quella per cui al contrario non c'e' motivo per cui l'uomo non possa essere felice, sono le istituzioni, le contingenze a impedirlo (un po' come il comunismo che era una buona idea, solo e' stato realizzato male in pratica ;) - quindi il mondo va demolito e ricostituito; la rivoluzione francese e la furia palingenetica e di presunta rigenerazione del bolscevismo, per esempio; di chi a priori decide di realizzare una uguaglianza di risultati sopprimendo la liberta` di raggiungerli come si vuole.

I believe this man does believe he can change the world, and people like that are infinitely more dangerous than mere crooked politicians. Di chi sta parlando ? :D

P.S.: come gli affezionati lettori hanno ben capito, va da sè che tra gli unconstrained ci stanno in pieno gli sciacalli saltati sulle spalle di Englaro e -a suo tempo- di Welby, i piccoli demiurghi che manipolano strumentalmente il dolore privato per (tentare di) sancire pubblicamente un presunto principio di libertà -in realtà distorto e malato, anche astraendo dall'eterogenesi dei fini sempre in agguato - a colpi di sentenze, in un paese in cui, mi risulta, chi fa le leggi e' il Parlamento e non la magistratura, che non è stata eletta da nessuno.

Links to this post:

Create a Link

<< Home