-->

06 December 2009

Giornalismo d'antologia

Ieri ho letto di sfuggita il titolone di prima pagina di Repubblica. Posso sbagliare le virgole, ma il succo era: "Il boss pentito accusa Berlusconi", banale ma buono per il No-B day (a proposito, vero che ci siamo mantenuti a ovest di "Sergio, trattoria romana" in zona Piazza Farnese, ma il presunto mezzo milione di gonzi avremmo dovuto ben vederli, o no ?). Il sottotitolo molto meglio: "Lui e dell'Utri (PDL) responsabili delle stragi del '92/93". Ancora incerti i dettagli del loro ruolo nell'omicidio di Giulio Cesare.

[P.S. Giornalismo di lotta e di governo a Copenhagen: l'ennesimo, peraltro del tutto risibile scare-video che mette in mezzo i bambini.]

[P.P.S. Editoriale di Sartori sul Corrierino. Giustamente dice che sono assurde le pretese per cui i paesi sottosviluppati devono essere risarciti per quel passato durante il quale gli «sviluppati » li hanno inquinati; e che conta chi sporca e spreca di più pro capite. Piccolo dettaglio: queste sarebbero scuse per non agire di fronte all'emergenza. Il discorso di policy e' basato come al solito su un non-fatto, il "collasso ecologico" che, purtroppo per Sartori, non esiste. Collasso, aggiunge, "che la scienza non aveva ancora captato", udite udite, quando Ehrlich ci dava per estinti a breve per colpa della demografia, e il Club di Roma prevedeva l'esaurimento delle risorse naturali entro il 1975/80. Come se queste previsioni, del tutto cannate sia quantitativamente sia qualitativamente e quanto a conseguenze rilevanti per le politiche internazionali, fossero tappe paradigmatiche della scienza, del tipo "mela di Newton". Tristemente, in tutta evidenza, gli attori delle policy internazionali pensano e si informano come Sartori, e hanno il suo stesso background.]

Links to this post:

Create a Link

<< Home