-->

20 December 2010

Kick-ass dad !

19 December 2010

Golpisti "Repubblica"ni

Capolavoro a commento dei deliri golpisti della Spinelli (e, attenuati, di Rep).

17 December 2010

Silvio we love you

Il Financial Times cuts some slack a Silvio (qui, ma serve registrarsi, gratis).

Give Silvio Berlusconi some credit. The Italian prime minister, who survived a close confidence vote on Tuesday, has done less badly than his many detractors have feared. On the contrary: the country has held together, Italian banks avoided the worst of the credit bubble, growth of gross domestic product has remained slow but fairly steady, inflation has been moderate, the ratio of government debt to GDP has increased less than in most rich countries and Italians are still buying almost all of the government’s debt (although the spread over Germany has widened sharply).

Mr Berlusconi’s moral failings, dubious business dealing and political idiosyncrasies are unattractive. But while a less self-interested and self-indulgent prime minister might have made more progress in dealing with Italy’s great institutional problems – political corruption, the permanently weak south, too much tax evasion and organised crime – none of these have worsened much since mid-2001, when Berlusconi started his second period as prime minister. It now looks like he will be in the job for all but two years of the subsequent decade.

During most of that time, his domestic political position was weak, yet Mr Berlusconi did not resort to financially dangerous budget populism. When the recession hit, he agreed with Giulio Tremonti, his finance minister – backed by a competent, non-political bureaucracy – that Italy could not afford a substantial fiscal stimulus. Some Italians might have preferred wads of borrowed government cash to feel-good rhetoric and headlines about the prime ministerial love life, but investors should be grateful.

A more attractive alternative would strengthen the case against Mr Berlusconi, but the fragmented opposition can offer neither clear, sound policies nor a more competent leader.


La frase di chiusura è particolarmente appropriata, dati i "leader" che circolano a sinistra di questi tempi.

16 December 2010

Disordine stradale e mentale

Mio nonno materno era un uomo mite e tranquillo. Mai una parola di troppo, mai voce alterata, stimato da tutti, persona -si diceva così, allora- di impeccabile tratto.

Ma dalla nebbia dei miei ricordi di bambino emerge mio nonno che guarda alla televisione le barricate e gli incendi del maggio francese; e dice: "Questi vanno messi tutti al muro."

Probabilmente aveva le sue ragioni. Le avrebbe anche oggi.

[Non scomodo Pasolini e la poesia su valle Giulia: risaputa. Però perfetta per questa generazione di nullità viziate e pretenziose.]

14 December 2010

Facebook, anzi faceBook

Dove socializzano anche i jihadist nutbags.

12 December 2010

WikiSilvio

Per le anime belle un ulteriore segno delle brutalità del Cav, per me cosa sensata. O no ?

"Evitata la strage" ?

Na ja. Giusto perche' il tizio era imbranato. Forse. E sul Corriere stasera l'attentato a Stoccolma sta dopo Fini&Cav, deputate in dolce attesa, Moratti contestata a Milano, Cassa integrazione ridotta, parentopoli. Aspetto che mettano una bomba a via Solferino per vedere come ne parlano. :D

Intanto, anche se è tedesco e non svedese, sentitevi questo signore austriaco cosa dice di bello.

08 December 2010

TTB

TTB, golpismo morbido: il tradimento dei chierici ai danni della sovranità popolare

Tutto Tranne Berlusconi ovvero il tradimento della sovranità popolare, che per esercitarsi nelle forme e nei limiti della Costituzione deve pur essere presa sul serio, rispettata, deve esserci e legittimare il potere politico e i suoi titolari. Berlusconi può essere ottimo, pessimo, così così: non è questo il problema. Sta di fatto che ha vinto per la terza volta le elezioni due anni fa. Le ha vinte la sua coalizione, le hanno vinte le sue liste e i suoi programmi, le ha vinte il suo partito


Ferrara.

04 December 2010

Steely Chuck

Krauthammer

The cat is out of the bag. The cables are public. Deploring them or trying to explain them away, a la Clinton, is merely pathetic. It's time to show a little steel. To show that such miscreants don't get to walk away.

At a Monday news conference, Attorney General Eric Holder assured the nation that his people are diligently looking into possible legal action against WikiLeaks. Where has Holder been? The WikiLeaks exposure of Afghan war documents occurred five months ago. Holder is looking now at possible indictments? This is a country where a good prosecutor can indict a ham sandwich. Months after the first leak, Justice's thousands of lawyers have yet to prepare charges against Julian Assange and his confederates?

[...] The WikiLeaks document dump is sabotage, however quaint that term may seem. We are at war - a hot war in Afghanistan where six Americans were killed just this past Monday, and a shadowy world war where enemies from Yemen to Portland, Ore., are planning holy terror. Franklin Roosevelt had German saboteurs tried by military tribunal and executed. Assange has done more damage to the United States than all six of those Germans combined. Putting U.S. secrets on the Internet, a medium of universal dissemination new in human history, requires a reconceptualization of sabotage and espionage - and the laws to punish and prevent them.

[...] Want to prevent this from happening again? Let the world see a man who can't sleep in the same bed on consecutive nights, who fears the long arm of American justice. I'm not advocating that we bring out of retirement the KGB proxy who, on a London street, killed a Bulgarian dissident with a poisoned umbrella tip. But it would be nice if people like Assange were made to worry every time they go out in the rain.


Hanson:

Witness current events. A 22-year-old PFC Bradley Manning, without much experience, knowledge, or maturity, somehow becomes a “military analyst.” (I thought those were 2-star generals, RAND Ph.Ds, decorated colonels, or old Kissingerian National Security Council pros.)

And in our culture without hierarchy and requisites that title apparently allows him — in between downloading Lady Gaga music while in a combat zone in Iraq—to tap into the secret cables of the U.S. State Department, and destroy two decades worth of diplomatic contacts, trust, and friendships.

No matter — you see poor Bradley was also upset, depressed, and he felt underappreciated. In part, that was because his drag-queen boyfriend had recently dumped him. He was, in his own words, “regularly ignored except when I had something essential then it was back to ‘bring me coffee, then sweep the floor.’ … [I] felt like I was an abused work horse.”

Iranian nukes? North Korean missiles? Again, no problem. Bradley, you see, was depressed and in response had the desire and the power to change the global order. (Or in 60s parlance, “who is to say that Bradley doesn’t have the right to shut down the diplomatic world?”) Even Bob Dylan would be impressed with how “the times they are a-changin’.”

Next, enter one Julian Assange — himself on the lam, avoiding a little sexy horseplay that the uptight Swedish authorities for some reason deemed thus far sexual battery and molestation. Julian is also angry at “them,” the Western world that does horrific things like guarantees enough affluence and security for those like Julian to jet about at will without any visible means of support. In the tradition of sixties nihilism, Julian, of course, tries to gussy up his destructive egotistical angst into some sort of cosmic humane call for more transparency and nice behavior on the part of the U.S. State Department and military.

In more earthly terms that means he is supposed to be something more than a two-bit computer punk that he is, one who would be terrified to extend his online liberationist creed to Iranian mullahs, Chinese communists, Hezbollah terrorists, or Russian gang lords. The latter do far more to trample the human spirit than does any Western nation, but they also at times tend to decapitate, blow up, or jail permanently any would-be Julian who dares to cross them.

Dubbio

Dove sono tutte le anime belle che ai tempi delle mail del Climategate (un anno fa) protestavano che non si poteva tenerne conto, essendo ottenute illegalmente ? Saranno, immagino, tutti a festeggiare Wikileaks.

[Peraltro, ascoltando Michael Ledeen e Josh Shahryar, un giovane dall'aria ganza, ho riflettuto su questo: alla fine dal grosso dei documenti pubblicati gli USA (per esempio) escono piuttosto bene rispetto a quel che gli America haters speravano. Se Assange avesse voluto demolire l'immagine americana, avrebbe pubblicato selettivamente. Non lo ha fatto, e questo va a suo onore. Invece, per esempio, grandi presunte scuole di obiettività come il NYT e altri giornali importanti hanno pubblicato la roba negativa e tralasciato quella positiva per gli USA, o ad esempio hanno ignorato tutte le cose pubblicate che tornano a favore di Israele. Allora il dubbio si amplifica: chi è più criminale, Assange o il NYT e i suoi simili ? Di Repubblica e del Corriere non fa nemmeno caso parlare. Guarda caso, Camillo la pensa come me.]

03 December 2010

WWWW - What's Wrong With Wikileaks

T. Dalrymple sul City Journal (traduzione mia).

Non avevamo bisogno di Wikileaks per sapere, tra l'altro, che il presidente francese Nicolas Sarkozy è un uomo volgare con inclinazioni autoritarie, o che Silvio Berlusconi è interessato al sesso. Non è nemmeno particolarmente rassicurante vedere le nostre autonome valutazioni confermate dai dispacci diplomatici americani: perchè, avessero detto alcunchè di diverso, non ci avremmo creduto in ogni caso.

Passato l'iniziale brivido di piacere per l'imbarazzo dei potenti, simile alla soddisfazione di vedere un tizio tronfio e pomposo
scivolare su una buccia di banana, diventa evidente il vero senso della più grande pubblicazione di documenti segreti della storia (quantomeno, senza la caduta militare di una grande capitale). Rivelare di un segreto non è sempre indesiderabile o eticamente ingiustificato, ed è banale la scoperta degli abusi del potere, e della necessità di bilanciarli con un potere di contrappeso - spesso, quello dell'esposizione pubblica. Ma WikiLeaks va molto oltre il rendere pubbliche delle malefatte, o supposte tali: fa inavvertitamente il gioco del totalitarismo.

L'idea dietro WikiLeaks è che la vita deve essere un libro aperto, che tutto quel che si dice e si fa dovrebbe essere immediatamente reso noto a tutti, che non dovrebbero esserci accordi, atti, o conversazioni segrete. Nella visione di WikiLeaks, nessun individuo e nessuna organizzazione dovrebbe avere alcunchè da nascondere. Non vale quasi la pena di discutere questa visione infantile della vita.

Il probabile vero effetto di Wikileaks sarebbe precisamente opposto a quello che ufficialmente si prefigge. Ben lungi dal contribuire a un mondo più aperto, lo renderebbe molto più chiuso. La segretezza, o meglio la possibilità della segretezza, non è nemica della franchezza, ma al contrario sua precondizione essenziale. WikiLeaks seminerà sfiducia e paura di esprimerci apertamente, temendo che quel che diciamo sia registrato dall'interlocutore e usato contro di noi (magari da altri). Questo nella sfera pubblica o ufficiale come in quella privata. Una cortina di ferro discenderebbe sul mondo intero. Verrebbe imposto un presunto regno della virtù, dove si direbbe quel che non si pensa e si pensa quel che non si dice.

La dissoluzione della distinzione tra sfere pubblica e privata è sempre stato un obiettivo del totalitarismo. Aprire e leggere la posta elettronica altrui non è diverso dall'aprire e leggere la normale corrispondenza. In sostanza Wikileaks si attribuisce, con notevole arroganza morale, il ruolo di censore mondiale. Se pure ha messo alla luce alcuni mali, o reso pubbliche alcune verità necessarie, questo fine non giustifica i mezzi.

01 December 2010

Odo augelli far festa

Tanto tuonò che piovve. Ora tutti a casina dopo essersi fatti belli in corteo. Poveri cari.

Due chicche di ipocrisia bipartisan:

Tutti a favore (tranne IdV che voleva norme più restrittive e più manette per tutti) della assurdissima norma che prevede che siano esclusi dalla chiamata candidati che siano parenti e affini fino al quarto grado compreso, di un professore appartenente al dipartimento o alla struttura che effettua la chiamata; o con il rettore, il direttore generale o con un consigliere di amministrazione dell'ateneo. Ora, io non ho parenti che aspirino ad entrare in università e conosco molti figli "di" che hanno approfittato del nepotismo diretto o indiretto (via "benign neglect"). Ma questa norma è un assurdo ideologico, e probabilmente contraria alle libertà personali fondamentali.

Altro emendamento del Pd, appoggiato anche dalla maggioranza, che prevede che «i contratti a titolo gratuito non possono superare nell'anno accademico il 5% dell'organico dei professori e ricercatori di ruolo in servizio presso l'ateneo». Che coglionata sarebbe ? Lo sanno che i contratti in grandissima parte sono a titolo gratuito ? Lo sanno che non c'e' l'organico per coprire i corsi a seguito di questa norma ? Suppongo di no. E questi sono quelli che protestavano. Gesù.