-->

31 January 2012

Cooling, si chiama cooling

Un articolo aggiornato sul presunto warming - magari fosse. E se non vi piace c'e' la colonna di destra con i link al celebrity gossip che Corrierino e Rep, pure soft-por*o, gli fanno un baffo.

The vote pump, and more

Un contributo importantissimo per disperdere alcuni miti, tipo che l'America sia in ginocchio per l'eccesso di spesa militare o per le guerre oltremare, che le tasse non bastino a coprire le spese federali correnti (comprese quelle militari), sul costo della medicina onnicomprensiva ad attore unico, sui costi dei sussidi di disoccupazione e food stamps, e naturalmente sul vero budget di fatto della campagna Obama.

Profumi ostinati

Il ministro Profumo ha finalmente lasciato la presa sul CNR. Qualcosa comincia a muoversi anche nelle alte sfere: una lettera aperta dei Rettori delle Uni del sud-est allo stesso Profumo.

13 January 2012

Double standards fuori dal vaso

Despicable la pisciata sovra-talebana, non c'è dubbio.

(Almeno, nella polite society che se lo può permettere. Cioè dal punto di vista dei wimps che bevono double foam venti-latte frappuccino in una metropoli occidentale.)

Detto ciò, sempre meglio che smembramenti, falò, e tagliamenti di palle poi infilate in bocca, come si usa invece tra i rispettosi guerrieri

Naturalmente secondo gli italici media, laddove Abu Ghraib era colpa personale di Bush, notoriamente ora non c'è assolutamente nessuno da incolpare alla Casa Bianca.

(Double standards italiani e il ministro dell'Università: a seguire.)

12 January 2012

Incentives to boost "excellent" hirings in Italian Universities

State hands off individual merit: serious rankings, please⎯ and incentives for top-notch hiring.

On Christmas Eve's eve 2011, fifty so-called virtuous Universities (UV henceforth, defined by the Ministry of Research as those with less than 90% of their FFO -ordinary state funding- devoted to personnel costs) received a significant State-funded boon via the Piano Straordinario di Reclutamento (PSR), an "emergency plan" for the hiring of associate professors. About as many Universities deemed non-virtuous according to the same criterion (UNV) simply got left out. First off, one wonders whether this criterion makes sense at all, considering that about 75% of Italian Universities will break the "non-virtuosity" barrier in 2012 even accounting for the indirect financial support from the PSR, and of course if the similarly-sized funding forthcoming in 2013 will be allotted in the same way. But this is, in a sense, the least of concerns.

Indeed, the very concept behind the PSR is outright funny. Access to professorships, only at the associate level, is reserved to people who already are associate professors in Italy or abroad, or who already won a "concorso" (Italian for the official procedure of interviewing, examination and eventual hiring), and possibly a few others such as ERC grant winners or such - all of whom will be further examined for selection. It thus paradoxically funds "concorsi" for people who are mostly "concorso"-winners already. And in a stroke of genius which would have made Kafka proud, current assistant professors will not have access to these positions.

People who are already associate professors will also be affected negatively. Sure, the PSR enables them to attempt a move to virtuous universities, but that's by and large only a theoretical possibility. In exchange for which, a very worrying future perspective opens up. In a nutshell, UV's will be reluctant to open up new full professorships as more and more teaching needs (the foremost concern of most Italian universities) are tended to by the new associates - and  UNV's will be increasingly unable to afford them. Compound this with the several past years of scarce to non existent new full-professor openings, and you get increased demotivation, decreased retention in favor of industry or professions, and tendency to emigration among the mid- to advanced-career ranks as a logical consequence.

There are additional, less obvious perverse twists in the PSR. The a priori "virtuous/non-virtuos" selection, based as it is on a very coarse, grossly oversimplified, purely financial criterion applying to the institution as a whole, will affect drastically -and negatively- individual researchers (who by and large cannot be blamed for the financial misdeeds of University managers).

After the PSR dust has settled, even discounting its saturating effect for the associate professorship market at large, assistant professors in UNV's will have less opportunities for progression as their employers become more and more underfunded and hence less virtuous, in a vicious (pun intended) downward spiral. Conversely, assistant professors in UV will directly benefit of the (relative) excess funding of their employers in both the number of slots and their being local. Of course, this applies indirectly to associate professors too.

 In addition, overfunding specific Universities and specific position types will most certainly not increase the quality of hiring. It is natural to expect that the chronic malaise of Italian academia, old-boy-network and clientele politics, will fester ever more.

The key to reducing the adverse effects of this ham-fisted intervention (granting that it will not be repealed or suspended) is the forthcoming new national academic evaluation ("abilitazione"). It is quite unclear that a national evaluation be a good idea at all, but since we are going to have it anyway, let us use it for the better.

The key points are the following.

First: the evaluation should be severe and stringent, and based on (scientific and teaching) performance and results. It should not be, that is, an obvious sinecura for any academics applying for it: this todos caballeros alternative would simply shift the reference zero and produce no observable effect.

Second: the evaluation should have a ranking, i.e. it should not simply be pass/fail.

Third: Universities will hire voluntarily and freely any candidate who passes the evaluation; but there will be financial incentives for hiring the top-ranking people (e.g. in the form of a budget surplus decreasing with the ranking). That is: hire as you please, but choosing the best will be at a premium - in cash and now. Better results and performance later on will be a welcome addition. Of course, this will also cause more Universities to compete for the best people, and therefore improve the leverage of new hires to obtain e.g. research allowances (salaries, sadly, are fixed nation-wide). The rationale, of course, is that individuals and groups will respond to incentives - much less to disincentives, which are easily circumvented.

Fourth: the evaluation committees will include a majority of experts from foreign institutions. As these experts have generally no skin in the game, they will safeguard the sanity of the process from national old-boy networking, increasing the likelihood of hiring excellent people not pre-connected to Italian academia at all. For instance, say, each scientific sector may have 2 external (i.e. professionally based outside of Italy) and 1 internal (i.e. a full professor in an Italian University, selected randomly) committee members.

 In closing, it is worth pointing out that these proposals are just a way to make the best of the current bleak situation. In general, it would be advisable that the central powers (the University Ministry, the Government, funding agencies) refrained from incessant experimentation (see for instance the confusing and byzantine new PRIN funding scheme) and from market doping through continual intervention. Much of the lamentable state of Italian Universities has to do with their dependence on state intervention - with the attendant slip-knot-like strings attached.


11 January 2012

Meritevoli non virtuosi e altri animali

(Rivisto il 18/1/12)

Il Piano Straordinario di Reclutamento associati (PSR) ha da poco assegnato importanti risorse a cinquanta Università "virtuose" (UV nel seguito: con meno, cioè, del 90% del fondo ordinario dedicato al personale). Ne sono state escluse le Università "non-virtuose" (UNV) in base allo stesso criterio. Tanto il criterio quanto la sua applicazione nel PSR sono, a nostro avviso, irragionevoli e mal concepiti. Proponiamo una procedura alternativa, più semplice e trasparente.

In primis, la concezione di fondo del PSR è drammaticamente errata: funziona per "sovraconcorsi" lasciati largamente all'arbitrio locale (via l'art.24 della legge Gelmini), ma soprattutto riservati a categorie ristrette di persone in sostanza già abilitate alla II fascia. Il PSR apre la strada a scelte non virtuose, e non risponde alle necessità didattiche e di ricerca delle Università. Il culmine della sua perversione è che tutti i ricercatori che non abbiano già vinto un concorso sono esclusi a priori dalla possibilità di partecipare al concorso stesso.
In aggiunta, il PSR discrimina tra Università a livello accademico e di docenza sulla base di un criterio arbitrario, ultrasemplificato e puramente economico, che concerne solo in piccola parte la docenza e per nulla la qualità della sua ricerca e didattica, e invece riguarda pesantemente l'istituzione nel suo complesso, incluse le scelte locali sul personale non docente.

Questa selezione a priori viene scontata dagli incolpevoli singoli docenti, che vengono direttamente o indirettamente puniti indipendentemente dal loro merito personale. I ricercatori delle UNV saranno svantaggiati nella progressione concorsuale, avendo di fatto a disposizione molti meno posti, e con obbligo di cambio sede, con tutte le resistenze ambientali che questo comporta. Essi rischiano, perciò, di rimanere al palo per anni per il solo fatto di lavorare in una UNV, la cui virtù budgetaria non dipende certo da loro. Per converso i ricercatori delle UV beneficieranno di progressione facilitata, non per loro solo merito, ma anche e in modo significativo per eccesso (relativo) di finanziamento delle UV stesse. Data l'occasionalità e probabile eccessiva portata del PSR, le UV potrebbero poi anche -e la storia suggerisce che lo faranno- finire per reclutare soggetti non del tutto meritevoli su base localistica, creando così l'ossimoro del virtuoso non meritevole.

I professori associati delle UNV, il cui accesso ai concorsi già dipende da complesse congiunzioni di turn-over e punti organico, saranno anch'essi danneggiati dal PSR: creando un alleggerimento di pressione budgetaria, esso favorirà gli associati delle UV. Un associato di una UNV può al più pensare di cambiare sede verso una UV tramite i concorsi PSR. Ciò, però, non è solo improbabile (per molti motivi), ma non è nemmeno desiderabile in generale, perchè porterebbe rapidamente allo svuotamento delle UNV, che di non virtuoso, ripetiamo, hanno solo un aspetto del budget.

Proponiamo perciò una diversa procedura, la cui chiave di volta è l’idoneità nazionale, con A) abilitazione severa, di merito, e con graduatoria (non pass/fail e non generalizzata: nessuno è re se lo sono tutti), B) con valutatori in maggioranza esterni e non co-interessati; e C) con incentivo in solido alla chiamata dei migliori. Cioè a dire: si determini il valore dei singoli, e tra quelli idonei ognuno chiami quelli che meglio crede; sapendo però che chi chiama i migliori sarà premiato subito in risorse (oltre che, naturalmente, poi in risultati e prestazioni). Gli esperti esteri difenderanno il processo dal classico old-boy networking (la componente italiana andrà sorteggiata), aumentando la probabilità di successo di persone eccellenti non necessariamente preconnesse all'ambiente italiano.

Le Università potrebbero addirittura arrivare a competere per ottenere le persone migliori, magari aprendo la possibilità per i chiamandi di contrattare, ad esempio, fondi di start-up etc. Questi, usuali in tutte le università straniere, potrebbero aumentare l'attrattività (ora nulla, salvo aspetti climatici, gastronomici, o artistici) dell'accademia italiana per un accademico operante all'estero. Non va imposta invece la chiamata sequenziale: persone e gruppi rispondono più agli incentivi che ai disincentivi, e questi si aggirano facilmente.
Dunque, quattro proposte operative:

1. Si svolgano immediatamente abilitazioni nazionali con graduatorie progressive, senza obbligo di, ma con incentivo a, la chiamata dalla cima della graduatoria, per esempio tramite copertura o sovra-copertura del budget.

2. Le commissioni includano una maggioranza di esperti da istituzioni estere al massimo livello (p.es. dalle prime 100 università al mondo in un ranking internazionale), con nessuna o strettamente limitata co-interessenza con istituzioni italiane.

3. Il governo abolisca l'art.26 c.4 L. 240/10.

Questo disposto, ricordiamo, permette in sostanza concorsi locali blindati per associati e ordinari sullo stampo dei concorsi da ricercatore a tempo determinato. Facciamo un appello a non utilizzare questo strumento, ma dubitiamo che basti. (Un'alternativa, introdurre commissari stranieri maggioritari anche in questi concorsi, sarebbe legislativamente più difficile da realizzare.)



Come concepito ora, usando male risorse già poco utilizzabili dati i complessi meccanismi di spendibilità, il PSR e il suo possibile uso al di là del transitorio innescheranno l'ennesima allocazione inefficiente di risorse ad altro che alla promozione o al reclutamento dei meritevoli, contribuendo a distorcere e drogare ulteriormente il sistema della docenza universitaria in Italia.

05 January 2012

Presumably

Their threat last week to close the Strait of Hormuz provoked worldwide censure, and an intelligently judicious warning from the Pentagon. If the Iranians attempted any such action, there would be general support for an American military response. The U.S. Fifth Fleet could clear any and all Iranian obstructions out of the Strait of Hormuz in one day, and sink any Iranian sea-borne unfriendly device, down to boobytrapped pieces of firewood with offensive decals on them, in one more day. Such an outrageous initiative by Iran would so galvanize international opinion, and so vividly highlight the madly belligerent nature of the regime, that there would be no serious opposition to taking out Iran’s nuclear program while the U.S. military was at it. Any such action would be justified and admirable and beneficent in itself. It would also probably reelect this administration. Presumably, the president is aware of that.